Archivio

Posts Tagged ‘Pezzimenti’

Gerace : Bilancio 2012 privo di efficacia e difforme dai principi contabili.

2 novembre 2012 Nessun commento

 

Consiglio Comunale della Città di Gerace

 

Gruppo consiliare “Gerace Prima di Tutto”

Gruppo consiliare  “ Rinnovamento Democratico”

Gruppo consiliare “Il Bene in Comune”

 

COMUNICATO STAMPA

La farsa del bilancio di previsione 2012 è stata rappresentata nella sala consiliare del Palazzo di Città a Gerace.  Il protagonista della farsa, il Sindaco – Ragioniere Varacalli, ha intimato ai suoi prodi di alzare la mano per approvare un bilancio in pieno disequilibrio, illegittimo, viziato. I prodi hanno obbedito sprezzanti del pericolo, o forse solo ignari delle conseguenze che potranno derivare da questo insano gesto, per dire sì ad un bilancio che la città di Gerace non meritava. Non è bastato, infatti, il parere contrario espresso dal Revisore dei Conti ad evitare la catastrofe.

A nulla sono serviti gli accorati appelli dei consiglieri di opposizione per tentare di raddrizzare la barra di una nave che sta per fracassarsi sugli scogli sotto la conduzione di un Sindaco – Timoniere sordo, cieco, incosciente.

E’ un bilancio di previsione, quello approvato sera di martedì trenta u.s. a Gerace che non corrisponde ai principi di  unità,  annualità,  universalità  ed integrità,  veridicità,  pareggio  finanziario, nonché di attendibilità, quindi totalmente illegittimo ed in forte disequilibrio. Addirittura l’attuale maggioranza consiliare  – Sindaco ed Assessore al Bilancio in testa – ha ritenuto superfluo persino di relazionare nel Civico consesso sul documento presentato (fatte salve alcune insulse quanto inutili dichiarazioni del Sindaco – Ragioniere).

Ci si chiede legittimamente se i Consiglieri di maggioranza siano o meno stati in grado di rendersi conto della gravità delle conseguenze che il loro gesto ha prodotto sul piano delle responsabilità politiche, personali e patrimoniali.

Analogamente ci si domanda fino a che punto gli stessi campioni abbiano effettivamente compreso l’entità del danno arrecato all’intera comunità geracese, a sua volta del tutto in buona fede ed inconsapevole del fatto di avere rimesso la guida della Città e la propria fiducia in capo ad amministratori improvvisati e pertanto assolutamente inadatti a gestire la Cosa pubblica.

Non si può dire altrimenti. Poiché il bilancio ben poteva essere discusso, rivisto, corretto, posto in perfetta aderenza alla normativa vigente. Sta di fatto che, al contrario, gli inetti al potere hanno inteso approvare uno strumento finanziario erroneamente ritenendo di potere superare le negative valutazioni e le censure del Revisore dei conti (che ha invano tentato di mettere sull’avviso l’Amministrazione) sulla scorta di semplici quanto inconcludenti controdeduzioni al detto parere.

La mancata applicazione della norma sul Fondo Svalutazioni Crediti, il mancato riconoscimento di un debito risalente all’epoca della costruzione dell’ospedale – fantasma, i dati errati relativi ai trasferimenti erariali da parte dello Stato, le mancate modifiche al piano annuale e pluriennale delle opere pubbliche rendono il bilancio di previsione appena approvato dai seguaci del sindaco Varacalli, vera e propria carta straccia.

Ecco perché i gruppi consiliari di opposizione rappresentati nel Consiglio Comunale di Gerace chiederanno un tempestivo intervento sia da parte della Corte dei Conti che da parte del Prefetto di Reggio Calabria, affinchè vengano verificate le dovute responsabilità di questo tentato disastro finanziario e si eviti di trascinare l’intera comunità geracese in un pauroso baratro creato da una classe di improvvisati quanto improvvidi amministratori della cosa pubblica.   

Consiglieri  Comunali Angelo Gratteri – Giuseppe Pezzimenti – Giuseppe Cusato

Comunicato stampa: la verità sulla situazione scolastica geracese.

1 settembre 2012 Nessun commento

Consiglio Comunale della Città di Gerace


 

Gruppo Consiliare “Il Bene in Comune”

Gruppo Consiliare “Gerace Prima di Tutto”

Gruppo Consiliare “Rinnovamento Democratico”

Agli Organi di Stampa

LORO SEDI

COMUNICATO STAMPA: la verità sulla situazione scolastica geracese.

Il Sindaco Varacalli è la sola Autorità competente a riaprire subito, per ragioni di sicurezza, la Scuola “Vene”  di Gerace.

E’ questo l’esito dell’incontro che si è svolto, nella mattinata del 31 agosto,  presso la Provincia di Reggio Calabria, tra il Presidente Dott. Giuseppe Raffa,  la Dirigente dell’ USR Calabria – Ufficio IX Ambito Territoriale per la Provincia di Reggio Calabria D.ssa Mirella Nappa, il rappresentante dei gruppi di opposizione del Consiglio Comunale di Gerace Giuseppe Cusato e una delegazione di genitori degli alunni frequentanti il plesso scolastico “Vene” di Gerace,  per ottenere la riapertura del plesso montano per l’anno scolastico 2012/2013. L’ incontro è susseguente alla richiesta che i gruppi di opposizione hanno presentato in occasione del Consiglio Comunale Aperto che si è tenuto il 25 agosto scorso a Gerace, circa l’impegno che era stato chiesto all’Amministrazione Comunale, in quella sede rifiutato dalla maggioranza consiliare, per effettuare degli incontri istituzionali – operativi al fine di scongiurare la soppressione di alcuni plessi  scolastici facenti parte dell’Istituto Comprensivo “ Cinque Martiri” di Gerace.  Dopo un’analisi dettagliata della situazione che è stata rappresentata dal Consigliere Comunale Giuseppe Cusato, hanno preso la parola alcuni rappresentanti dei genitori che hanno fornito maggiori delucidazioni in merito alla legittima richiesta di mantenere il Plesso di contrada Vene funzionale alle aspettative formative dei loro figli.

Le ragioni evidenziate nell’incontro da parte della delegazione geracese sono state immediatamente condivise sia dal Presidente Raffa che dalla Dirigente Nappa, i quali hanno assunto formale impegno per l’anno scolastico 2013/2014 alla riapertura del punto di erogazione dell’attività didattica del Plesso di Vene attraverso la riattribuzione del Codice Meccanografico, con grande soddisfazione dei genitori presenti. Relativamente all’anno scolastico che sta per iniziare, pur accogliendo le reali preoccupazioni avanzate dai genitori stessi, sia Il Presidente Raffa che la D.ssa Nappa hanno rappresentato la loro concreta impossibilità ad intervenire in merito alla funzionalità di Vene. Tale funzionalità rientra nell’esclusiva competenza del Sindaco di Gerace,  poiché  è dettata dalle ragioni di sicurezza dell’edificio  di Via Fabio Filzi che dovrebbe ma non può accogliere gli alunni di Vene e che non garantisce i parametri ottimali indispensabili di idoneità statica e sismica, tant’è che l’attuale Amministrazione comunale  ha richiesto ed ottenuto dalla Regione Calabria un finanziamento per la messa in sicurezza e l’adeguamento sismico dello stesso edificio.

Considerata l’attuale situazione sopra descritta, i rappresentanti dei gruppi di opposizione in Consiglio Comunale, Cusato, Gratteri e Pezzimenti invitano  il sindaco Varacalli ad avviare le procedure necessarie affinchè prenda atto formalmente dell’impossibilità di ospitare ulteriori alunni nell’edificio di via Fabio Filzi che non garantisce accettabili parametri di sicurezza e , conseguentemente, autorizzi, per l’anno 2012/2013, l’espletamento delle attività didattiche della Scuola Primaria e della Scuola dell’Infanzia del plesso di Vene che, viceversa, offre adeguati livelli di sicurezza per i bambini delle frazioni montane. Ulteriore invito è rivolto a non  dilazionare nel tempo la risoluzione della problematica e a non  demandare impropriamente ad altre istituzioni  le iniziative ed i ruoli che gli appartengono.

Anche  il Presidente Raffa ha assicurato un intervento presso il Sindaco Varacalli che, si ripete, ha la sola competenza e responsabilità di decidere le sorti della Scuola di Vene e garantire l’incolumità degli alunni della Scuola “ Fabio Filzi”.

I Consiglieri di opposizione vogliono rivolgere un ringraziamento alle autorità provinciali e scolastiche che, per l’occasione, si sono dimostrate sensibili e disponibili per la risoluzione di questa vicenda così importante per l’intera comunità, garantendo la continuità dell’azione a sostegno delle legittime rivendicazioni dei genitori geracesi.

Mozione Consiglio Comunale aperto del 25 agosto 2012: Istituto Comprensivo “Cinque Martiri” Gerace

26 agosto 2012 Nessun commento

 

Consiglio Comunale della Città di Gerace

——–

     Consiglio Comunale Aperto del 25 agosto 2012

 

MOZIONE

In ordine a:

 Dimensionamento rete scolastica “Istituto Comprensivo Cinque Martiri” di Gerace.

Prosegui la lettura…

Lettera di Salvatore Galluzzo vs Pezzimenti e Varacalli

19 novembre 2011 Nessun commento

L’ amministrazione Galluzzo si difende

Ho avuto modo di constatare che nel Consiglio Comunale del 3 novembre scorso si è discusso circa l’iter procedurale di alcune opere pubbliche che hanno avuto il loro avvio durante la precedente  consiliatura. Assistendo in televisione al dibattito che si è svolto durante i lavori consiliari, ho avuto la netta impressione che si continui, a perpretare ingiusti e subdoli, se non meschini, attacchi alla precedente amministrazione ed al suo modo di amministrare la cosa pubblica.
Questo stato di cose, contrasta nettamente con la migliore delle ipotesi che vorrebbe rispetto e lealtà, pur nella diversità delle vedute, verso chi ha amministrato la nostra città negli anni passati. Mi hanno enormemente incuriosito, le considerazioni del Consigliere di minoranza (?) Pezzimenti, il quale ha invitato addirittura, con l’espressione che gli è più cara e carismatica, il Sindaco, a produrre atti e documenti alla Procura della Repubblica per gli approfondimenti circa alcune opere pubbliche, benché abbia fatto una distinzione tra responsabilità politiche e responsabilità gestionali.
Non ritengo che chi, come il sottoscritto, si sia affidato per tanti anni a del personale tecnico per lo svolgimento del lavorìo amministrativo e burocratico inerente la conduzione della cosa pubblica possa accontentarsi delle facili ed opportunistiche distinzioni del Consigliere Pezzimenti.
Sono pronto, quindi, nel momento in cui il Sindaco accolga l’invito del Pezzimenti ad affidare alla Procura della Repubblica atti e documenti inerenti opere pubbliche, ad assumermi le mie responsabilità e quelle non solo della Giunta comunale ma anche dello staff tecnico che mi ha affiancato durante i dieci anni dell’amministrazione da me guidata. Certamente posso affermare che durante gli anni della mia gestione amministrativa presso il Comune di Gerace non mi sono mai azzardato di pensare minimamente di affidare atti e documenti, anche di una certa gravità dal punto di vista della responsabilità amministrativa, contabile e penale, a chicchessia, ma ho sempre cercato di risolvere i problemi, con discrezione e senza gridare allo scandalo.
Naturalmente questo mio atteggiamento, non mi accompagnerà più nel momento in cui dovessi essere costretto a difendere l’onorabilità personale e delle persone a me più vicine nelle sedi giudiziarie.

Al di là del fatto che ovviamente la responsabilità rientra per intero nella sfera tecnica – gestionale e non in quella politica – amministrativa, è fuor di dubbio che l’Ufficio preposto ha solamente esercitato il proprio dovere d’ufficio attenendosi scrupolosamente ai dettami normativi, nemmeno un centesimo è stato tolto dal bilancio comunale, ma si sono utilizzati, naturalmente, i fondi che la Regione Calabria aveva inoltrato per la realizzazione di dette opere proprio al fine del pagamento delle spettanze dovute ai progettisti. Opere pubbliche, queste, che non hanno avuto certamente vita facile ma, che, certamente, non sono nemmeno da prendere in considerazione come casistica delle possibili negatività di un’amministrazione comunale che ha prodotto, nel corso di dieci anni, decine e decine di progetti definitivi ed esecutivi ed ottenuto svariati milioni di euro di finanziamenti e tutto questo grazie non solo alla politica ma anche alla capacità tecnica sia dei progettisti che dei componenti l’Ufficio Tecnico comunale.

Rifuggendo affermazioni riguardo “l’errore progettuale” nel caso della realizzazione del Campo Sportivo in località Campo, e tralasciando considerazioni circa la paternità di chi ha voluto addivenire alla rescissione del contratto con l’amministrazione giudiziale della ditta aggiudicatrice dei lavori per la realizzazione dell’Auditorium, consiglierei, nella qualità di cittadino, all’Amministrazione comunale pro – tempore, di astenersi dall’esprimere considerazioni demagogiche preoccupandosi, piuttosto, di intrattenere rapporti burocratici con gli Uffici della Regione Calabria al fine di tentare il recupero del finanziamento per la realizzazione del Parcheggio Meccanizzato, anche perché risulterebbe che nessuna corrispondenza da parte della Regione Calabria sia stata mai inoltrata al Comune di Gerace per comunicare la revoca di detto finanziamento, a dispetto delle dichiarazioni del primo cittadino che invece sostengono la perdita dei fondi.
Ad oggi, sono in attesa di ricevere adeguato riscontro alla mia richiesta d’accesso avanzata 24 giugno di quest’anno, volta all’ottenimento di copia conforme dell’eventuale nota della Regione Calabria riguardo la pratica in questione.
Non potendomi dilungare oltre, anche perché rischierei di tediare, e nel diritto – dovere di affermare le cose come stanno, opera pubblica per opera pubblica, finanziamento per finanziamento, di fronte alla cittadinanza geracese così malamente assaltata da falsi e meschini messaggi mediatici formulati da chi dovrebbe solamente tacere, chiedo la convocazione di un CONSIGLIO COMUNALE APERTO affinchè il sottoscritto,unitamente a chi della cittadinanza vorrà partecipare al dibattito, possa rendere giustizia e verità per delle vicende dove si vogliono solamente evidenziare le ombre, distorcendo la verità. Nella fiduciosa attesa di un doveroso riscontro porgo distinti saluti.
Dott. Salvatore Galluzzo

Fonte: La Riviera nr. 47/15 – Domenica 20 Novembre 2011

Categorie:Politica Tag: ,